OLIO DI CANAPA CBD: OLIO DI CANNABIS E BENEFICI PER LA SALUTE

0
6

OLIO DI CANAPA CBD: OLIO DI CANNABIS E BENEFICI PER LA SALUTE

Negli ultimi anni sono sorti molti negozi CBD Hemp Oil per vendere olio di CBD o olio di cannabis.

Se sei rimasto incuriosito e vuoi capire le ragioni di questo successo, questo articolo fa per te!

L’olio di cannabidiolo (olio di cannabis), anche papulare come olio di CBD, viene estratto dalla cannabis. Tuttavia, non dovrebbe essere confuso con l’olio di canapa. L’olio di CBD sta guadagnando terreno grazie ai suoi molteplici benefici per la salute. Ma non solo, ha trovato un ampio campo di studio nei cosmetici, soprattutto negli Stati Uniti, dove diverse aziende cosmetiche hanno iniziato ad utilizzarlo.

Per estrarre il CBD dalle piante di cannabis, l’estrazione chimica viene generalmente utilizzata per estrarre cannabinoidi e altri composti benefici come terpeni e flavonoidi.

A questi estratti si aggiunge l’olio MCT, derivato dal cocco, che funge da vettore e ne potenzia gli effetti benefici.

Il successo dei prodotti a base di olio di cannabis dipende dalle loro proprietà rilassanti e analgesiche. Molti studi hanno dimostrato l’efficacia dei cannabinoidi nel trattamento dei sintomi del cancro, nel controllo degli stati d’ansia, nella gestione di malattie come l’epilessia e il morbo di Parkinson. 

Tuttavia, per cogliere appieno il potenziale dell’olio di cannabis, devi sapere cos’è e le caratteristiche di ogni tipo di formulazione.

Andiamo a scoprirlo insieme!

Cos’è l’olio di cannabis?

L’olio di cannabis è un termine generico per qualsiasi estratto della pianta di cannabis. Anche gli estratti di marijuana e canapa inclusi in questa famiglia.

Il petrolio grezzo estratto dalla pianta di cannabis è molto ricco di sostanze salutari per l’organismo, come:

  • vitamine,
  • minerali,
  • acidi grassi essenziali,
  • terpeni,
  • flavonoidi,
  • cannabinoidi.

Essendo un prodotto naturale, la composizione chimica dell’olio varia da pianta a pianta e può essere influenzata dai metodi di estrazione e lavorazione a cui è sottoposto. Per questo, oltre alle sostanze descritte, può contenere altre tipologie.

L’estrazione dell’olio di cannabis può essere effettuata dalla pianta essiccata o fresca e il risultato è un prodotto molto denso. Le parti della pianta utilizzate sono molto importanti perché le sostanze contenute cambiano a seconda che la sostanza estragga dalle foglie o dai semi.

Solo l’estratto della pianta e dei fiori si chiama olio di cannabis, mentre la sostanza che esce dalla lavorazione dei semi di canapa chiama olio di semi di canapa.

L’olio di cannabidiolo (olio di cannabis) è anche noto come olio di CBD. Il CBD è il principale cannabinoide non psicoattivo che si trova nella pianta di cannabis.

Il cannabidiolo è una sostanza molto diversa dal THC, responsabile degli effetti psicoattivi della pianta.

Quanti tipi di olio di cannabis esistono?

Le persone inesperte tendono a raggruppare tutti gli estratti di cannabis insieme come se fossero lo stesso prodotto. Bomba da bagno al CBD Ci sono differenze sostanziali tra olio di cannabis, olio di canapa, olio di semi di canapa, olio di marijuana, olio di THC o olio di CBD.

Vediamo cosa sono.

Olio di canapa

‘L’olio di canapa, noto anche come olio di cannabis e olio di CBD, è molto ricco di CBD e ha un basso contenuto di THC. Grazie alla silenziosa presenza di THC, può essere legalmente utilizzato per molti prodotti commerciali. le migliori caramelle gommose sono una forma di cannabidiolo commestibile. Questi sono alimenti contenenti CBD, che proviene dalla pianta di marijuana.

I prodotti a base di olio di canapa vengono consumati quotidianamente in tutto il mondo, grazie ai benefici naturali che forniscono. Questo prodotto può essere assunto puro o in preparati come tinture, liquidi, capsule, prodotti per la cura della pelle e dei capelli.

Olio di semi di canapa: olio di canapa CBD

Sebbene sia facile confondersi, è bene specificare che l’olio di canapa e l’olio di semi di canapa sono prodotti molto diversi. Infatti, a differenza del primo, i cannabinoidi non sono presenti nell’olio di semi di canapa.

L’olio di semi di canapa è estratto dai semi della pianta ed è considerato un superalimento, in quanto ricco di vitamine, minerali, aminoacidi, fibre, acidi grassi Omega-3 e Omega-6. Viene spremuto a freddo e il suo sapore ricorda la nocciola.

Il suo utilizzo primario, quindi, è in cucina come condimento per salse e insalate.

Olio di marijuana, olio di THC, olio di hashish

Questi termini indicano un prodotto semisolido a base di resina della pianta di cannabis, marijuana o hashish. Non si tratta quindi di olio in senso proprio, ma di resina oleosa.

La caratteristica di questi oli sono gli alti livelli di THC e possono essere utilizzati per scopi medici o ricreativi. Vengono applicati localmente, mediante vaporizzazione o consumati per via orale.

Allora qual è la differenza tra olio di THC e olio di CBD

La caratteristica principale dell’olio di THC è che contiene tetraidrocannabinolo. In molti paesi del mondo, questa sostanza è considerata un narcotico e per questo motivo non può essere utilizzata.

L’olio di THC lo è

L’olio di THC è un estratto di cannabis medica o ricreativa ed è scelto per i suoi effetti ricreativi o per affrontare problemi come l’insonnia o il dolore.

La formulazione preferita da chi la utilizza è la cannabis liquida, meno nociva del fumo e più comoda da dosare.

Il CBD, quindi l’olio o l’olio di cannabis CBD, al contrario, è una sostanza attiva diversa dal THC ed è scelto per ben altri motivi rispetto all’olio di THC. Può essere estratto dai fiori della pianta di cannabis Sativa, chiamata anche canapa industriale.

Per fare l’olio di CBD, è necessario aggiungere un olio vettore che può essere un altro tipo di olio vegetale come olio di semi di canapa, olio d’oliva o olio di cocco. Questo serve per aumentare la biodisponibilità dell’olio, quindi velocità ed efficacia, e per variare il suo sapore.

Olio di CBD

Olio di CBD suddiviso in:

  • olio di CBD a spettro completo;
  • olio di CBD a spettro completo.

Quest’ultimo contiene altri cannabinoidi come CBDA, CBC, CBGA, CBN e CBCA, flavonoidi e terpeni. Molti ritengono che queste sostanze agiscano insieme, creando l ‘”effetto entourage”, che determina un risultato esaltato dall’azione sinergica dei vari elementi.

Piccola precisione: l’olio di CBD a spettro completo contiene anche una piccola percentuale di THC (meno dello 0,2%) e, sebbene includa una piccola percentuale di THC, non causa effetti psicotropi.

  • Isolato di CBD, una formulazione pura al 99% e priva di cannabinoidi, flavonoidi e terpeni. Questa formula non ha effetti psicotropi, non ha gusto o odori forti, ma è meno efficiente dell’olio di CBD a spettro completo o a spettro completo.

Pertanto, la principale differenza tra olio di THC e olio di CBD è nella psicoattività dell’olio. Ciò rende il primo destinato a usi terapeutici ed è illegale in molti paesi a causa degli effetti psicotropi. In confronto, l’olio di CBD è legale e ha molti servizi utili.

Come si usa l’olio di cannabis: CBD Hemp Oil

Gli oli di cannabis possono essere assunti per via orale o vaporizzati tramite un dispositivo portatile. Quest’ultimo, chiamato anche dag rib , riscalda gli oli in modo che rilasciano cannabinoidi e terpeni.

Per valutare le giuste quantità da assumere, bisogna considerare che gli oli di cannabis contengono una quantità di cannabinoidi più incredibile dei fiori. Inoltre, per un corretto dosaggio, devono essere considerati fattori come il peso, i sintomi, la formulazione e la concentrazione del prodotto, il sistema endocannabinoide e la chimica del corpo.

Un alto dosaggio di oli contenenti THC può creare stati di ansia, sonnolenza e disagio fisico. Fiore di canapa CBD Mentre un eccesso di oli ricchi di CBD stimola il corpo e la mente, aumenta la sensazione di fame e può provocare sonnolenza.

È essenziale considerare se assumere cannabinoidi quando si è già in trattamento con altri farmaci per evitare interazioni ed effetti collaterali.

L’olio di cannabis è legale?

L’uso dell’olio di cannabis è soggetto ad alcune restrizioni sia in Europa che negli altri continenti. Il problema è legato alla presenza del THC, una sostanza consentita in dosi minime in quasi tutto il mondo.

In particolare, i limiti di THC consentiti dalla legge sono:

  • 0,2% in Europa;
  • 0,3% negli Stati Uniti.

Oltre queste soglie, tutti i prodotti che contengono THC sono considerati illegali.

Esistono tre trattati per regolare la quantità di THC:

  • la Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961 ;
  • la Convenzione del 1971 sulle sostanze psicotrope ;
  • la Convenzione del 1988 contro il traffico illecito di stupefacenti e sostanze psicotrope.

Per evitare sanzioni e non considerarlo fuorilegge, sconsigliamo l’acquisto di olio di cannabis a meno che tu non sia sicuro che non sia considerato illegale in quella zona. O comunque è bene che tu controlli la percentuale di THC presente nel prodotto che stai acquistando.

I benefici per la salute dell’olio di cannabis

L’olio di cannabis ha molte applicazioni, ma la sua efficacia è più robusta per il rilassamento del corpo e della mente e allevia condizioni dolorose.

Molti studi evidenziano l’utilità dei cannabinoidi per trattare il dolore dovuto a infiammazioni e neuropatie. I sintomi sui quali agisce con ottimi effetti sono il dolore cronico, il cancro, l’epilessia, le convulsioni e l’ansia.

Pertanto, l’olio di cannabis è un potente antidolorifico. In particolare, l’olio di canapa antidolorifico agisce più velocemente di altri tipi di formulazioni ei suoi effetti si fanno sentire rapidamente.

Allevia il dolore: olio di canapa CBD

Come agisce una sostanza cannabinoide sul nostro corpo? Perché il CBD è famoso come antidolorifico?

Nel corpo umano, il sistema endocannabinoide (ECS) produce neurotrasmettitori (endocannabinoidi) che si legano ai recettori dei cannabinoidi. Questo fa sì che i cannabinoidi e, in particolare, il CBD interagiscano con i neurotrasmettitori per attivare il sistema immunitario, alleviare il dolore, regolare l’appetito e il sonno.

L’efficacia dei cannabinoidi nell’alleviare il dolore è stata riconosciuta da molti anni; tuttavia, di recente, è stato scoperto che il CBD è anche un potente antidolorifico.

Molti studi hanno dimostrato che ha ottimi effetti anche nelle terapie per i pazienti con artrite e sclerosi multipla.

Riduce la depressione e l’ansia.

Un’altra scoperta significativa sul CBD è che agisce sui recettori del cervello regolando i livelli di serotonina, il neurotrasmettitore coinvolto nella gestione dei comportamenti sociali e dell’umore.

Quindi, l’uso del CBD consiglia di aiutare a controllare l’ansia e la depressione in modo naturale e senza effetti collaterali.

Chi fa uso di droghe per gestire questi stati deve convivere con gravi ripercussioni sulla propria vita quotidiana, come mal di testa, insonnia, mancanza di sonno e condizioni di agitazione. Quindi c’è un crescente interesse tra i malati di questi disturbi verso i trattamenti naturali.

L’olio di cannabis riduce i sintomi del cancro.

Essendo un potente antidolorifico, il CBD agisce efficacemente anche sul dolore causato da molti tipi di cancro. Aiuta anche a ridurre gli effetti collaterali delle terapie antitumorali, come dolore, vomito e nausea.

Alcuni studi hanno persino ipotizzato che il CBD abbia effetti anti-cancro. Questo perché ha osservato. In provette e su animali. Che la sostanza provoca la morte delle cellule del cancro al seno.

Oltre al seno. Dagli studi sugli animali. Il CBD è risultato un utile coadiuvante nella prevenzione del polmone. Colon cervello e cancro alla prostata.

Per ora, la ricerca è ancora da esplorare. Ma la direzione che stanno prendendo è una svolta medica e scientifica.

Agisce sugli inestetismi della pelle, come l’acne

Il CBD aiuta il corpo a gestire la produzione di sebo. Tra le cause che scatenano l’acne,    cos’è la canapa ? Troviamo appunto la sovrapproduzione di sebo. La sua azione può avere un’influenza essenziale sulla gestione di problemi di questo tipo.

Inoltre, le proprietà lenitive e antinfiammatorie agiscono positivamente per ridurre l’infiammazione causata dall’acne.

Migliora i disturbi neurologici: olio di canapa CBD

Il CBD svolge un ruolo essenziale nel controllo dei disturbi neurologici come la sclerosi multipla, l’epilessia e il morbo di Parkinson.

Diversi studi hanno dimostrato che l’olio di cannabis riduce i sintomi nei pazienti con sclerosi multipla fino al 75%. Inoltre è un ottimo coadiuvante nella gestione dell’epilessia: nei pazienti che l’hanno utilizzata ha portato ad una riduzione del 36% delle crisi epilettiche.

Ha effetti benefici sul cuore e sul sistema cardiovascolare.

Il CBD ha diverse proprietà antiossidanti e antistress, quindi la sua assunzione consiglia chi soffre di ipertensione.

A livello del sistema cardiovascolare, aiuta a prevenire infarti, ictus e sindrome metabolica.

Oltre a questi effetti benefici, il CBD è utile anche nella gestione dei disturbi mentali, CBD Hemp Oil, grazie alle sue proprietà antipsicotiche. Pertanto, la sua azione è utile nei soggetti affetti da schizofrenia e con problemi di dipendenza.

È ottimo per prevenire e ridurre il diabete. I trattamenti con CBD agiscono sull’infiammazione e riducono i livelli di diabete fino al 56%.

Acquista online olio di cannabis e prodotti a base di olio di CBD.

Esistono molte varietà di olio di CBD e prodotti a base di cannabis. Non è però facile gestire gli acquisti e capire qual è la formulazione più adatta. 

Noi di Crystalweed abbiamo scelto di offrire. I nostri clienti solo oli della massima purezza. Senza additivi artificiali e conservanti. Anche. Accompagniamo i nostri clienti nell’acquisto per capire qual è il prodotto più adatto a loro.

READ  Olio di canapa contro olio di CBD

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here